(Tempo di lettura 13 minuti)

L’altro giorno ho avuto questa idea: fare un post sui miei social dal titolo “cos’è per te il successo?” con lo scopo di darne una spiegazione oggettiva e soggettiva e poi raccogliere e pubblicare sul mio blog le definizioni personali di “successo” giunte da più parti. 

Il post è questo:

Da www.facebook.com/LeoCascioTBM/photos/a.1397717356957275/5393190357409935/

Se non hai voglia di cliccarci ti faccio il riassunto: scrivevo che facendo personal branding il successo oggettivamente ha a che fare con gli obiettivi, mentre soggettivamente (cioè per me) questi obiettivi sono sociali ed etici.

Lo scrivo ancora meglio qui di seguito:

Per me avere successo significa essere certo che la mia attività lavorativa (ma anche la mia vita personale) riesca a dare valore agli altri. Per me una persona è di successo se è una persona di valore, quindi per me una persona di valore diventa automaticamente di successo. Penso che quando il valore che si offre viene ricambiato, il valore generato dia vita ad un successo collettivo ancora più grande.

Leo Cascio

Insomma la mia motivazione/scopo che mi porta ad avere voglia di vivere e di fare il mio lavoro consiste nel voler essere una persona di successo (obiettivo comune più o meno a tutti) e nel mio caso una persona di valore!

Il rapporto tra successo e scopo

Come forse hai intuito l’articolo in cui conoscerai anche le definizioni di successo di chi ha voluto dare il suo contributo al mio reportage è proprio questo che stai leggendo.

Ma prima di rivelartele, lasciami spiegare ancora meglio: il successo è un argomento che mi piace molto perchè si lega tanto agli “obiettivi valoriali” di chi fa personal branding.

La nostra personale definizione di successo a mio parere rivela (almeno in parte) i valori e la vision personale, cioè l’obiettivo a lungo termine di chi fa personal branding.

Un obiettivo che, al di là degli ovvi interessi economici che qualsiasi azienda deve necessariamente avere, non è molto diverso da quello aziendale.

La domanda che ho fatto sui social “cos’è per te il successo?” aiuta a rivelare la “reason why”, quella motivazione che oltre a spingerci verso gli obiettivi andrebbe rivelata per rendere la nostra comunicazione più efficace.

E già: questo articolo è un vero e proprio “pretesto” per provare a far rivelare (o quantomeno accennare) il “perchè”, lo scopo, la reason why di molti miei amici, colleghi e contatti. Sto parlando di ciò che dà senso alle vite ed alle professioni. Quella “cosa” che viene trascurata da moltissimi (nonché da chi porta avanti un’attività) ma che invece sarebbe essenziale indagare.

Per poi magari rivelare, attraverso la comunicazione, l’identità più autentica e profonda.

Lo scopo è il cuore del brand

Penso che la nostra personalissima definizione di successo dica agli altri, e chiaramente anche a noi stessi (aiutandoci a ragionarci su), chi siamo davvero. E nel personal branding, soprattutto per i professionisti (ma anche nel branding di tipo corporate per gli imprenditori e le aziende) comunicare il nostro “chi siamo” è davvero importante, ormai almeno quanto il nostro “cosa facciamo”.

Non a caso quando comunichiamo sui social, ma anche negli altri canali online e offline, tendiamo professionalmente a dire soltanto “cosa sappiamo fare”, come possiamo renderci utili a livello pratico agli altri. Anche questo è molto importante e per nulla scontato.

Però anche rivelare il perchè facciamo quelle cose lo è: a differenza della narrazione del “cosa facciamo” che porta gli altri ad avvicinarsi per puro pragmatico interesse, le motivazioni più profonde insite nel “perchè lo facciamo”, quando rivelate, creano relazioni più forti, vere, umane, autentiche e persino disinteressate.

Lo scopo del brand racconta la nostra dimensione “sociale” ed “etica”, parla delle nostre scelte. Ne rivela anche il coraggio. Ci porta a legarci fortemente e nel tempo agli altri.

Raccontare lo scopo è inoltre una strategia di brand positioning efficacissima.

Soprattutto oggi che distinguerci dai competitor, che tipicamente fanno le nostre stesse cose, può risultare difficilissimo.

Ad esempio per distinguerci da loro potremmo scegliere di sviluppare e praticare nuove competenze, creare un nuovo, innovativo prodotto, focalizzarci in un nuovo modello di business che sia unico rispetto a quello degli altri. Ma a che costo?

Distinguerci col “cosa facciamo” è un bene, ma quanto ci costa?

Differenziarci invece (ma suggerirei ANCHE, diversamente il rischio è di risultare incoerenti e fuffosi) raccontando il nostro “perchè” (includendo la nostra vision) può bastare a renderci diversi e preferibili rispetto ai competitor ad un costo relativamente basso (a patto di fare questo lavoro psicologico/sociologico e di comunicazione).

In questo modo risultiamo simili al nostro pubblico target per motivazioni legate all’empatia, alla condivisione dei valori simili, al fatto di piacerci anche “a pelle” (per neurocezione, argomento scientifico su cui tempo fa ci ho fatto anche un video che puoi vedere nella mia sezione “video pillole di personal branding”) e per appartenenza allo stesso gruppo sociale.

Ecco perchè credo che raccontare cosa intendiamo per “successo” possa essere un ottimo modo per scovare, o quantomeno provare ad avvicinarsi, a quella cruciale differenza.

E spero che sia utile anche per continuare a “lavorarci su”, per spiegarlo sempre meglio, in modo più chiaro ed efficace. Per iniziare, perchè no, un percorso virtuoso che aiuti a fare meglio personal branding, in modo più efficiente ed efficace, senza per forza sbattersi in brainstorming spesso assurdi alla ricerca di un posizionamento di marca che si basi sul prodotto, lavorando sì alla qualità di quest’ultimo (che rimane importante!) ma muovendosi come elemento differenziante più sul fronte dell’esperienza valoriale offerta. 

Il successo per i professionisti ed imprenditori

Dopo questo bel pippone (lo so, ma il preambolo era proprio doveroso!), ecco qui dunque le definizioni di “successo” di chi ha voluto partecipare al mio esperimento.

Devo dire che ha avuto una partecipazione niente male nonostante non l’abbia spinto più di tanto. Ma NON è un esperimento concluso, eh! Voglio continuare a raccogliere le migliori definizioni di successo. Se vorrai aggiungere la tua definizione di successo ti basterà contattarmi oppure commentare questo articolo sui social taggandomi. Sarà mia cura raccoglierla per aggiornare questo articolo.

L’elenco è in ordine alfabetico per cognome e sotto ad ogni definizione mi permetto di riportare il mio breve commento (come fosse una chiacchierata!).

Ah, se qualcuno dei professionisti ed imprenditori riportati nell’elenco volesse scrivere qualcosa richiamando questo articolo sui propri blog, newsletter o farci qualche contenuto social, mi scriva da questo modulo o su info at leocascio.com. Così aggiungerò a questo articolo anche il suo link!

 

Danilo Costa – Imprenditore digitale e CEO di Coderblock

Credo che il concetto di “successo” sia molto relativo. Quello che per qualcuno può essere un obiettivo raggiunto, per qualcun altro, abituato ad altre metriche, può essere un punto intermedio in un percorso. È sempre questione di percezione e punti di vista. Sono sempre stato molto più legato al concetto di “traguardo” che di successo, perché l’obiettivo è percorrere un percorso che ti consenta di raggiungere traguardi che ti fanno sentire migliore di quello che eri il mese prima. Il traguardo poi è qualcosa che puoi condividere con un gruppo, con una società intera e con un team, e non è qualcosa di personale. Il traguardo diventa un checkpoint, qualcosa che ti permette di non abbassare la guardia (se ti senti “arrivato al successo”, è lì che inizi a perdere) ma che al tempo stesso non ti permette di goderti troppo quello che fai (quando raggiungi il traguardo, pensi alla roadmap ed al checkpoint successivo). Per quella che è la mia personale esperienza, di traguardi raggiunti ne abbiamo molti ma li reputo solo il 5% di quelli che intendiamo raggiungere, ma è divertente proprio perché è così: una storia non scritta che evolverà in modo direttamente proporzionale ai nostri obiettivi!

Danilo, che in passato ho anche intervistato qui per parlare di smart working e della sua magnifica startup Coderblock, è uno che di successo ne capisce visto che l’ha fondata da zero, lavorando sodo insieme ad un gruppo fenomenale che ha avuto la capacità di costruire. Anche qui sono d’accordo con lui e la sua idea di successo che, da “business-man internazionale” quale egli è, tende a spezzettare in micro-obiettivi. La cosa non fa che ricordami “Fattore 1%” di Luca Mazzucchelli, la teoria (su cui lo psicologo milanese ha scritto anche un bel libro) che premia chi fa le cose a piccoli  passi. Concordo con Danilo che il successo sia una concetto vago e che sia più pratico festeggiare i traguardi piuttosto che i successi. Ma penso anche che questa spiegazione racconti molto della sua vision aziendale. E non è cosa da poco, secondo me. Anche in ottica team-building.

Gianluca Deidda – Ingegnere

Sul successo non ho quasi nulla da dire. É una cosa che dipende dall’attribuzione altrui, rendendolo di fatto un obiettivo non perseguibile, e dice tantissimo sulle persone che attribuiscono il successo a qualcosa o qualcuno, ma niente su quel qualcosa o qualcuno. Il risultato invece mi interessa di più, che sia noto ai più o totalmente sconosciuto: e gli affetti, la passione, un pizzico di serenità e la possibilità di metterle in pratica mi sembrano un grandioso traguardo.

Ringrazio Gianluca per la sua definizione sintetica (è uno che scrive tantissimo, di solito ai limiti del “data overflow” ahhaha!), ma in effetti il tema del successo può mettere in crisi le menti più pragmatiche come la sua. Non lo biasimo né per la lunghezza, né per il contenuto assolutamente veritiero nella parte oggettiva e condivisibile in quella soggettiva. Anche in questo caso comunque parlare di successo, come volevasi dimostrare, al di là di questo tema apparentemente “fuffoso”, fa in modo che visione etica e valori vengano fuori. Infatti anche da questa definizione traspare quanto essere persone di successo abbia poco a che fare con soldi, fama e potere ma con ben altro. Ed infatti nessuno dei miei ospiti, tutte persone con sale in zucca, come stai notando ne ha parlato in questi termini. Anche se purtroppo l’idea molto ignorante che il successo dipenda da quelle cose è ancora molto diffusa nella società (e persino tra i titolari di azienda!), portando di fatto fuori strada molti. Spero che la lettura di questo articolo aiuti qualcuno di loro a cambiare idea.

Francesco De Biase – Luxury Concierge

I successo è quando un nuovo cliente ti contatta e ti dice “noi non siamo Buckingham Palace… ma spero possiate lavorare per noi”. Ed è anche quando puoi dire al cliente “se entra in una concessionaria Rolls Royce non può dire al manager che le viene incontro “siete più cari della Panda”.
Il successo è quando puoi permetterti di piegare lo spazio-tempo intorno a te cosi da poter scegliere chi, cosa, come, quando, dove, perchè… anche solo perchè ti sei svegliato storto la mattina!

Francesco è il primo contatto che si è unito alla conversazione scaturita dopo aver pubblicato questo articolo su Linkedin. In sostanza collega il concetto di successo con quello di libertà finanziaria. Il suo punto di vista, appena l’ho letto, mi è sembrato contrario rispetto al “tenore” degli altri interventi, più incentrati sugli obiettivi e valori. Tuttavia ciò che ha scritto ha una logica che, se non considerata in modo esclusivo, approvo. So bene cosa significa “denaro”. Come spiegavo in questo vecchio articolo lo definivo come uno strumento di libertà finanziaria importante d’altronde. Solo temevo, non conoscendo Francesco, che per lui bastasse possedere denaro per potersi definire “persone di successo”, ma poi nella conversazione scaturita ha spiegato meglio, scrivendo “prima di arrivare a potersi permettere di essere liberi finanziariamente c’è la costruzione del brand basandosi sui suoi valori”. Quindi riassumendo da un lato ci dice che la sua definizione di successo si lega al denaro, ma dall’altro che se vogliamo comunicare (eticamente) il denaro deve essere solo un fattore. E non posso che essere d’accordo. D’altronde perchè un brand, anche nel settore luxury, viene scelto? No, non solo perché rappresenta uno stile di vita lussuoso o perchè i suoi “prezzi alti” rappresentano dei “paletti” che fanno selezione, ma perchè offre un prodotto o servizio d’eccellenza e perchè il brand richiama valori anche nobili. Cose che i luxury brand, d’altronde, sanno benissimo. Come hai letto ho cercato di sintetizzare la conversazione scaturita (che comunque rappresenta un punto di vista alternativo ed interessante rispetto a quelli riportati). Se vuoi leggerla per intero e parteciparvi dando il tuo contributo la trovi qui.

Maria Pia De Marzo – Content creator e CEO di Web in Fermento

Per me significa superare gli ostacoli e non farsi abbattere dalle difficoltà. In ambito lavorativo significa arrivare a quel punto in cui ogni ostacolo, ogni difficoltà o ogni imprevisto diventano una opportunità per mettere alla prova te stesso e le tue capacità. Quando smetti di avere timore di sbagliare, perché sai che comunque stai imparando e hai consapevolezza che ne uscirai vincente, nessuna situazione potrà essere impossibile. Ecco quando arrivi a questa condizione, è in quel momento che ti renderai conto che hai la chiave del successo nelle tue mani. In genere il successo, per me, parte da un approccio positivo alla vita.

Che bella definizione! Superare gli ostacoli e soprattutto non vedere gli errori come nemici (tema che approfondirò dopo, non sei l’unica ad averlo accennato!), lo trovo proprio cruciale! E poi, e qui si parla di valori, si ricorda quanto sia importante un approccio positivo alla vita. Applausi! Grazie.

Pamela Del Moro – Digital project manager

Il successo è quando hai raggiunto gli obiettivi che ti sei prefissato. Non parlo esclusivamente come imprenditore. Il successo non è per tutti legato al denaro o alla notorietà della propria impresa, per questo secondo me è più uno stato di equilibrio psico-fisico. Anche una persona che ha raggiunto l’obiettivo di matrimonio felice e famiglia può sentirsi appagata come un attore all’apice del proprio successo.

Sono molto d’accordo con Pamela. Concordo che il successo sia legato allo stato psico-fisico. Si tratta di qualcosa che si costruisce con umiltà e concordo che sia in ogni caso una forma di appagamento del tutto naturale.

Fabio De Notariis – Web developer

Per me l’idea di successo (che spesso viene confusa con la “fama”) significa semplicemente raggiungere in maniera corretta (esito positivo) le proprie aspettative, di vita o nel lavoro. Può avere successo un dipendente che lavora bene e fa carriera, può avere successo un prodotto che viene lanciato sul mercato e vende, può avere successo un imprenditore che riesce a soddisfare le esigenze dei suoi clienti e trarre profitto, può avere successo una mamma che vede crescere i suoi figli in modo sano, e così via. Raggiungere degli obiettivi secondo me vuol dire avere successo, per cui è anche un concetto abbastanza soggettivo: c’è chi ha raggiunto uno status e cerca di mantenerlo, c’è chi invece vive il successo come una continua sfida, un’evoluzione costante che permette di alzare sempre di più l’asticella delle proprie capacità.

Qui Fabio aggiunge un fattore importante di cui non avevo parlato: il successo è un ciclo. Non sono tutti che lo vivono in questo modo, ma chi la vede così tende a coglierne l’essenza: il rischio che corre la “persona di successo” che si sente “arrivata”, qualsiasi sia il suo obiettivo, è di adagiarsi. E così finisce per perdere lo status di persona di successo. Essere di successo significa, un po’ come le squadre di calcio che vincono tanti campionati o champions di fila, saper mantenere sempre alta l’asticella, porsi continuamente nuovi obiettivi (sempre più grandi, e sì… anche pensare in grande!) e non smettere mai di avere fame. Cosa che nel fare marketing (ed in particolare nel personal branding per i professionisti, una strategia in cui i competitor contano relativamente) non significa per forza sconfiggere qualcuno risultando migliori ma semplicemente diversi e puntare in modo continuo al miglioramento di sé. Ottimo spunto, Fabio!

Maurizio Lotito – Imprenditore digitale e CEO di PostPickr

Confesso di non essermi mai trovato a mio agio con la parola “successo” il cui significato si presta ad un elevato grado di soggettività. Dal punto di vista professionale (e non solo), preferisco parlare di “progresso”: comprendere, apprendere e migliorarsi, imparando dai propri o dagli altrui errori.

La definizione di Maurizio non è molto diversa di quella di Danilo. Anche qui alla definizione “sociale” (ed un po’ romantica) si preferisce una definizione pragmatica. D’altronde è il bello delle diversità, il bello del confronto! Ma anche in questo caso (anche se non è la mia definizione preferita) sono concorde con lui. Certamente il successo è qualcosa di difficile da descrivere perchè estremamente dinamico. Maurizio fa benissimo a parlare dell’importanza di “imparare dagli errori”. In effetti non esiste progresso senza l’errore: una cosa di cui molti hanno lo spauracchio, ma che se ci pensiamo bene per le persone di successo (successo vero e duraturo, ovviamente!) è un amico. Forse persino il migliore amico. L’errore, se ascoltato, effettivamente ci guida sulla strada del progresso (o “successo” che dir si voglia!). Piccola nota: anche in questo caso parlare degli errori in questi termini contribuisce alla rivelazione dei valori del brand (in tal caso del CEO branding che si ripercuote sempre sul corporate branding in questo caso di PostPickr). In questo caso il valore dell’umiltà. Chapeau.

Massimo Marigo – Coordinatore digitale

Per me il successo è una realizzazione intima e personale visibile nel reale. Il successo è interiore nella soddisfazione di raggiungere un risultato ed esteriore nel riconoscimento altrui perché, anche se si è consapevoli dei propri mezzi, il successo va dato da un pubblico. Il bello è cercarsi il pubblico migliore per sé.

Massimo parla della relazione tra il successo ed il pubblico, le persone che scegliamo di circondarci o a cui, tipicamente, cerchiamo di proporci per vendere i nostri prodotti o servizi. Un discorso davvero valido perchè in effetti non esiste successo personale se non viene riconosciuto (e questo lo accenno anch’io nella mia definizione), altrimenti il rischio è di illuderci di averlo raggiunto, addirittura di crederci persone di successo. E la comunicazione che ne seguirebbe, tendenzialmente auto-referenziale, decreterebbe il fallimento (altro che successo!) del personal brand. Ma non si tratta solo di questo, si tratta anche di fare in modo che il pubblico che riconosce il successo sia quello giusto. Pensaci: potremmo essere persone di successo, quindi sempre riferendomi alla mia definizione, in grado di dare tanto valore, che però non ottengono successo (non gli viene riconosciuto) perchè questo valore lo propongono alle persone sbagliate! Individuare il pubblico giusto è infatti fondamentale (oltre ad essere “il bello” è anche “l’utile” secondo me). Il targeting (tipicamente la definizione delle buyer persona) non a caso è una delle cose più importanti per chi fa marketing e personal branding. Grazie Massimo per averlo ricordato!

Sara Petroro – Consulente esperta di analisi di mercato

Credo che il successo per me possa riassumersi così:

  • poter scegliere le persone con cui lavorare (sia clienti che collaboratori);
  • riuscire ad incidere positivamente nelle loro vite;
  • avere sempre il giusto tempo da dedicare a sé stessi e agli affetti.

Anche tu, Sara, sei stata super. Intanto metti l’accento sull’importanza di scegliere i giusti collaboratori (non so te ma io parlerei di persone simili nella mentalità, nei valori e negli obiettivi, ma diverse nelle competenze, per compensarci il meglio possibile). E qui mi sovviene anche il motto del mio amico Franco Nicosia “le persone stanno insieme, e creano progetti comuni, solo se hanno valori simili, altrimenti il progetto è destinato ad implodere”. Che se ci pensiamo vale nel lavoro come nella vita, si pensi ad un eventuale partner. Come si fa a trascorrerci una vita se si è diversissimi nei valori? Anche quello è successo. Poi parli di incidere positivamente. Anche qui mi trovi d’accordissimo. Un po’, credo, richiama la mia definizione di successo: il fatto di dare valore agli altri e fare in modo che venga riconosciuto. E poi avere tempo. Anche questo è un bellissimo punto, perchè che senso ha dedicare la vita solo al lavoro? No, non si può. La vita deve essere fatta anche d’altro, di svago, di prendersi cura di se e degli altri, dei sentimenti. In tre punti hai detto tantissimo, Sara. Anche di te, di come pensi, lavori e vivi. E ti ringrazio. PS: ho fatto un’intervista anche Sara, tempo fa, per parlare di ricerche di mercato. La trovi qui.

Ricardo Antonio Piana – Esperto di AI, CTO di Angojob e CO-Founder di Userbot

Per me successo significa avere amici, non mancare di nulla, essere sereno e poter impiegare il tempo per le cose importanti.

Conosco bene questo esperto di Intelligenza Artificiale (l’ho anche intervistato, sempre per il mio “Imprenditore Vero”, ben due volte di cui l’ultima è qui) e so quanto sia “ermetico”. Questa sua definizione di successo, sebbene molto scarna, in realtà spiega molto di lui, del suo modo di intendere la vita ed il lavoro. Si lega molto al concetto di semplicità ed alla concretezza nel raggiungere risultati apprezzabili, ma senza mai strafare! Si riferisce al concetto di equilibrio, al fare le cose bene ma in modo sostenibile. Questa definizione rivela molto dei valori del suo personal brand e nel suo blog approfondisce la questione. Trovi il suo articolo sul successo, da me inspiratogli, a questo link. E lo ringrazio visto che ribalta niente poco di meno che Freud, parlando del legame del successo con la felicità (inversamente proporzionali?). Senza spoilerare altro ne consiglio la lettura: è molto interessante ed alza ancora di più il livello culturale della discussione. Grazie amico Ric!

 

____________________

 

Come scrivevo questo articolo, proprio come il successo, è dinamico! Se sei un professionista, un imprenditore o un’azienda ed hai le idee chiare sul TUO concetto di successo, contattami per e-mail o su questa pagina. Oppure puoi condividere questo articolo sul tuo social preferito, postando la tua definizione. Ovviamente non dimenticare di taggarmi. Sarò felice di confrontarmi con te ed aggiornare l’articolo col tuo intervento.


Leo Cascio

Leo Cascio

Sono brand builder, creator, consulente, formatore e divulgatore di web marketing. Autore del libro "Personal Branding sui Social" (link Amazon).
Che ne pensi del mio articolo? La tua comunicazione aziendale o personale ha bisogno di una mano? CONTATTAMI ORA! :)